Vitellone Bianco IGP

Una carne di qualità che affonda le proprie radici nella storia della Toscana e del Centro Italia. La carne Chianina “IGP - Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale” è un simbolo del patrimonio agroalimentare toscano. Il termine “toro bianco dell’Italia centrale” compare per la prima volta già in Giunio Moderato Columella nell’opera De re rustica del I secolo d.C., con riferimento ai maestosi candidi esemplari dell’etrusca Chianina. La Chianina ha conosciuto il suo apice durante l’epoca della mezzadria: si è sviluppata nella tipica azienda mezzadrile collinare della Toscana, dove è stata prima utilizzata per il lavoro dei campi e poi, a partire dalla metà del 1800, avviata alla selezione come razza specializzate da carne. Il pregio e la tipicità della carne di Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale sono dovute alla combinazione tra il patrimonio genetico delle razze ed il sistema di allevamento e di alimentazione utilizzato. In Toscana sono quasi 700 gli allevamenti di Chianina controllati dal Consorzio di tutela, con oltre 200 punti vendita e 12 impianti di macellazione autorizzati. La carne di Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale deve essere immessa al consumo con il particolare contrassegno a garanzia dell’origine e dell'identificazione del prodotto ed in etichetta dovrà riportare il numero di riferimento o codice di rintracciabilità con la denominazione “Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale” e il logo comunitario.

Eventi

News

La filiera corta di RQT

Le iniziative di promozione dei sistemi di qualità, fanno parte del Progetto Integrato di Filiera RQT per lo sviluppo della filiera corta toscana
Vai alla Sezione >>

Newsletter