Agricoltura biologica

L’agricoltura biologica è un metodo di produzione disciplinato a livello comunitario con il Regolamento CEE 2092/91 (poi sostituito dai Reg. CE 834/07 e 889/08 e a livello nazionale con il D.M. 18354/09). Il termine “agricoltura biologica” indica un metodo di coltivazione e di allevamento che consente solo l’impiego di sostanze naturali, ovvero presenti in natura, ed esclude l’uso di sostanze di sintesi chimica (concimi, insetticidi, diserbanti e pesticidi in genere). Un modello di produzione che vuole evitare l’eccessivo sfruttamento delle risorse naturali, in particolare del suolo e dell’acqua. Viene salvaguardata la fertilità naturale di un terreno attraverso l’incremento della sostanza organica e con tecniche agricole idonee, che non sfruttano il terreno in modo intensivo. È il benessere animale, poi, la priorità dei sistemi di allevamento. Gli animali, si devono nutrire di erba e foraggio biologico e non devono assumere antibiotici, ormoni o altre sostanze che stimolino artificialmente la crescita e la produzione di latte. In agricoltura biologica si preferisce allevare razze autoctone, che meglio si adattano alle condizioni ambientali locali ed alla stabulazione all’aperto, oltre a garantire una maggiore resistenza alle malattie. In Toscana sono presenti oltre 2.400 aziende che praticano l’agricoltura biologica.

Eventi

News

La filiera corta di RQT

Le iniziative di promozione dei sistemi di qualità, fanno parte del Progetto Integrato di Filiera RQT per lo sviluppo della filiera corta toscana
Vai alla Sezione >>

Newsletter